pinguini_400Anche se un pò in ritardo ricambio gli auguri a tutti quanti e spero che abbiate trascorso un Natale sereno… Io avrei voluto fare una vacanza dal lavoro di tipo "scolastico" ma purtroppo stamani sono di nuovo qui anche se per un paio di giorni, il tempo di risolvere un paio di grane e poi correre a festeggiare il nuovo anno :o) Il regalo più importante me lo sono già fatto da sola ed è quello di non essere ingrassata nemmeno un etto in questo periodo, sono davvero soddisfatta di me!! Ho avuto la dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che basterebbe mangiare un pò di tutto ma in quantità limitate per non prendere peso…tutto sta nel continuare adesso!! :o))

Annunci

Monzoni_donne022Nel primo pomeriggio aspettavo che mi revisionassero l’auto e mi sono messa a guardare le persone che uscivano dal Penny Market davanti all’officina.. La maggioranza delle clienti erano tipiche donne dell’est, probabilmente badanti, con le loro borse piene si apprestavano a fare la lunga camminata fino al centro. I colori improbabili dei capelli con le evidenti ricrescite scure nei biondo platino o nei rossi accesi,  ma vocianti e dignitose nella loro modesta condizione,  con i figli piccoli nel paese di origine ai quali inviare i giochi a poco prezzo del discount,  la prospettiva di trascorrere il Natale su qualche panchina della stazione tutte assieme perchè le famiglie che hanno i vecchietti da "badare", quel giorno non avranno bisogno di loro… Ho provato tanta tenerezza e comprensione e mi è venuta in mente quella bellissima canzone di Baglioni che dedico a tutte le persone che passeranno, come molte di loro, le feste lontane da casa…

"Nei mattini pallidi appena imburrati di foschia
risatine come monete soffiate nei caffè
facce ingenue appena truccate di tenera euforia
occhi chiari, laghi gemelli, occhi dolci amari
io le ho viste
fra cemento e cupole d’oro che il vento spazza via
sotto pensiline che aspettano sole il loro tram
coprirsi il cuore in mezzo a sandali e vecchie
camicie fantasia
e a qualcuno solo e ubriaco che vomita sul mondo
io le ho viste portare fiori e poi fuggire via
e provare a dire qualcosa in un italiano strano
io le ho viste coi capelli di sabbia raccolti nei
foulards
e un dolore nuovo e lontano tenuto per la mano
io le ho viste che cantavano nei giorni brevi di
un’idea
e gomiti e amicizie intrecciati per una strada
io le ho viste stringere le lacrime di una primavera
che non venne mai
volo di cicogne con ali di cera
ancora le ho viste
far la fila con impazienza davanti ai gelatai
quando il cielo stufo d’inverno promette un po’ di
blu
piccole regine fra statue di eroi e di operai
lievi spine d’ansia nei petti rotondi e bianchi
io le ho viste
eccitate buffe e sudate per la felicità
negli alberghi dove si balla gridare l’allegria
e bere birra e chiudere fuori la solita neve e la
realtà
e ballare alcune tra loro e ballare e poi ballare
le ho viste
nelle sere quando son chiuse le fabbriche e le vie
sulle labbra vaghi sorrisi di attesa e chissà che
scrivere sui vetri ghiacciati le loro fantasie
povere belle donne innamorate d’amore e della
vita ..le ragazze dell’est "

Riprendo e dò seguito molto volentieri, ad un’ iniziativa letta sul blog del mio amico Luca di www.circoitalia.splinder.com :

"Nei nostri post scriviamo di tutto. Scriviamo canzoni, scriviamo i resoconti delle  nostre giornate, scriviamo ciò che ci succede e ciò che vorremmo succedesse. Scriviamo le nostre idee, i nostri ideali.

“NEL NOSTRO PICCOLO QUALCOSA DI GRANDE.”

Anche noi blogger nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa di grande.

Quello che vedete qua sotto è il logo dell’AIL (associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma) e qui potete trovare tutte le informazioni  che riguardano questa associazione.

Incollate nel vostro blog il logo e mettete il sito,è solo questo quello che vi chiedo… un piccolo gesto per tutte quelle persone che non possono stare qui con noi perché si stanno curando. Non possiamo guarirli e la solidarietà non è una cura, però credo che possa fargli piacere sapere che c’è. Sapere che le persone che ti vogliono bene pensano a te, sapere che non vedono l’ora di vederti nuovamente in giro, sapere che aspettano il momento di vederti sorridere, correre, gioire..

Per una volta facciamo qualcosa di utile, facciamo qualcosa di giusto. Facciamo qualcosa di buono!"ca953047223b41d6866776eba3bebdfe

Per maggiorni informazioni WWW.AIL.IT

christmas1024

Una cosa è certa,  volenti o nolenti, il Natale si avvicina e con esso tutto quello che rappresenta un rito. L’addobbo della casa, i programmi per il menù della cena o del pranzo, la corsa al regalo più bello ed economico, insomma, la "rassicurante" monotonia per alcuni, la gioia mistica per altri, ognuno lo vive e trascorre in base ad abitudini e sensazioni…. Io associo l’idea dell’albero di Natale  al calore della famiglia ed è per questo che per anni non l’ho fatto nella mia casa da single, troppo diversa da quella della mia infanzia con i genitori, le palline, le luci, i regali e l’odore di arrosto nelle stanze fino dal mattino… Quest’anno è diverso, quest’anno ci sarà un abete anche in casa mia, perchè con Andrea e Diana siamo diventati finalmente una "famiglia" ed anche se festeggeremo da mia sorella o da mia suocera, anche casa mia rappresenterà finalmente un "focolare" per questa nuovo "calore"… Ho letto in giro nei vari blog che ognuno ha delle abitudini irrinunciabili, tipo vedere Il Grinch o La Vita è Una Cosa Meravigliosa,  oppure giocare al Mercante in fiera,  fare una tombola, beh…io anche quest’anno non mi perderò per niente al mondo la visione assieme ai miei cari di un cult "Benvenuti in casa Gori" http://it.youtube.com/watch?v=9YRPVB51Va0 , non so se lo avete visto ma io lo trovo una vera delizia! :o)

Ste 015Lo so, lo so,  latito… Il fatto è che l’ammorbamento globale ha mietuto un’altra vittima… Sarà l’avvicinarsi delle festività,  forse il pensiero di affrontarle senza il "becco d’un quattrino" come si dice dalle mie parti…. So anche che l’importante è avere vicine le persone care, che il significato del Natale è più profondo, ma credetemi, se puoi spendere è diverso!! Il virus mi ha lasciata un pò rincoglionita,  non sto ancora bene e noi tendenti all’ansia sappiamo quanto sia facile iniziare a pensare di avere chissà quale gravissima malattia, quando in realtà stiamo semplicemente cercando  rassicurazioni per tutt’altro… Ebbene si, a 46 anni e dopo una vita di lavoro in proprio sono costretta a farmi "sovvenzionare" dal mio amore e questo non si può dire mi renda felice. Quello che è ancora più strano è il perchè una come me che va in crisi se non può essere economicamente indipendente non è stata capace di mettere da parte i guadagni dei periodi buoni. E’ un pò come soffrire di vertigini e comperare un appartamento al ventesimo piano sapendo che questo ci impedirà anche di affacciarci al balcone.  E per adesso vi risparmio l’argomento "dieta"…. Beh…poi non si dica che non ho risparmiato niente…. :o) 

0028Nel we ho intrapreso una dura lotta con quello stronzetto del virus grastrointestinale e penso di averlo sconfitto….. L’unica nota positiva è che adesso mi sento più….leggera….. :o)