Dunque…come sto? La situazione con mia suocera procede con tutti gli accertamenti in previsione dell'intervento. Venerdì ha fatto quello cardiologico e la sera l'hanno chiamata per dirle di andare al pronto soccorso perchè il battito era troppo elevato. Sabato mattina alle 11 l'hanno accolta a POnte a Ni@@eri e trattenuta a fare controlli ed iniezioni fino alle 17 con Andrea che aspettava nella sala d'attesa senza sapere nulla…Adesso deve prendere le pillole per tenere la pressione sotto controllo altrimenti diventa un rischio per l'intervento. Domenica trascorsa a Fi facendo i "casalinghi" con il mio amore… abbiamo fatto una torta ed anche il pane con il lievito madre datoci da mia sorella. Io alterno momenti di calma (apparente??) a momenti di pathos… Ieri per esempio sono andata a pranzo nel posto dove vado solitamente e già entrando ho avuto un lieve disagio..una specie di disorientamento… Per un attimo ho pensato "ecco vuoi vedere che mi sento male proprio qui?"….ho cercato di allontanare l'ansia, sono andata a lavarmi le mani e nel frattempo ho ordinato….ma tornata al tavolo la sensazione di paura, di perdita di controllo, insomma quella sensazione che chi soffre di ansia ed attacchi di panico conosce, è ricominciata.  Era talmente fastidiosa che ho chiesto di incartarmi il pranzo perchè mi ero improvvisamente ricordata un impegno inderogabile e dovevo scappare.  Sono andata a casa e piano piano ho ritrovato il controllo… La paura ti viene perchè se da un lato sei abituata e sai che 99 su 100 è panico, c'è quell'1% che ti fa prendere in considerazione malori fisici, pressione alta, infarto, ictus e che in realtà ti fa salire ancora di più l'angoscia…. Il solito stramaledetto controllo….non puoi controllare le cose che ti circondano e ti concentri sul controllo del corpo….  Non vuoi abbandonarti alle paure e le ansie per gli avvenimenti della vita e li sfoghi in quelle delle malattie… Un'altra cosa che forse mi agita è un appuntamento di lavoro stasera da un avvocato per una pratica con problemi e che vorrei davvero evitarmi, perchè a me fa stare con l'angoscia anche solo una discussione ed un contrasto (anche se non riguarda me direttamente) La prima tentazione era di inventare una scusa e non andare,ma poi ho ricordato che l'evitamento non aiuta e quindi ci sarò, devo imparare a non farmi condizionare così tanto.  Spero che presto la situazione si stabilizzi perchè ho bisogno di farmi un bel we spensierato con il mio amore in un posto qualsiasi….e lui ne ha più bisogno di me sicuramente…
Ho riletto e sono proprio una lagna….ora capite perchè è meglio che io aggiorni poco vero?? :o))

Peanuts (2)
 

Annunci

5 risposte a “

  1. Non sei una lagna e io ti capisco tanto, compreso il fatto del ristorante che è qualcosa che conosco fin troppo bene. Sei forte, anche se non credi di esserlo, e sei un Tesoro! Un abbraccio e scusa se scrivo poco ma la mia schiena grida vendetta, ancora!

  2. FInchè ti è utile "lagnati" quanto vuoi, buttare fuori è sempre meglio che rimandare dentro.
    Fai bene a non tirarti indietro con l'appuntamento, ti farà sentire più forte e decisa e soprattutto ti togli il pensiero, che altrimenti si trasformerebbe in un'angoscia tipo spada di damocle. Almeno, a me di solito capita così.
    Baciotti

  3. No, non sei una lagna proprio per niente! Tu sei vera fino al midollo, e cavolo, su Splinder c'è proprio bisogno di persone come te. Raccontare i propri disagi e il proprio vissuto, fa bene, dopo ci si libera, almeno è questo l'effetto che ha su di me, e magari trovare punti di similitudine aiuta, vedere che altre persone hanno lo stesso disagio, logicamente non toglie il problema, ma io penso una cosa, questo, ci fa sentire meno soli.
    Se ne parla, ci si racconta anche qua nei commenti e magari si puo' ricevere un consiglio utile.
    Io non ho mai avuto attacchi di panico veri e propri, ma ho provato disagio e ansia, vertigini.
    Adesso ho imparato ad accettare tutto questo, accogliendolo, non scappo più perchè so che quando succede tanto così com'è arrivato, passa. Passa sempre! E via via accade sempre più raramente.
    Fai bene ad andare all'appuntamento, andrà tutto bene, e sai che soddisfazione poter dire, ce l'ho fatta, per molti potrà sembrare una belinata, ma io so quanto costi tutto questo, quanta fatica ci voglia per uscire da questi stati d'animo, e bisogna vincersi e andare, senò si entra in un circolo vizioso dal quale poi, risulta difficile uscire.
    Quindi forza!
    Un bacione.

  4. Ma va Belladò! Penso che se siamo tutti qui ad aspettare un tuo aggiornamento non è unicamente perché siamo impiccioni e vogliamo sapere quando dove e come le cose non vanno!

    Se ti fa bene scrivi, sii egoista.
    Lo ripeto ancora una volta: il blog per me è terapia. Con il dca mi ha aiutata, ora magari se mi riesce esco fuori anche dal resto. Se anche per te è così continua a scrivere: prima di tutto per te!

    Facciamo il countdown per il we?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...